Ultime notizie
Mercoledì, 10 Gennaio 2018 07:54

Befana del Rotary alla Pediatria di Forli

Si è concluso sabato pomeriggio 6 Gennaio , giorno dell'Epifania, il Service "la Befana vien dal....Rotary" presso il reparto di Pediatria dell'Ospedale Morgagni, dove insieme ad una partecipata delegazione dei ragazzi del Rotaract Club, il Vice Presidente, Rinaldo Biserni ed altri soci presenti, hanno portato il saluto del Club ai bambini ricoverati con la distribuzione di  Befanine e di dolcetti offerti dalla Ditta Flamigni di Forlì a cui va un sentito ringraziamento.
 
Sono intervenuti anche componenti dell'Associazione "Clown di corsia" che sono soliti allietare questi momenti.
Il Rotary Club, durante la tradizionale serata degli Auguri, svoltasi a Castrocaro il 19 Dicembre 2017, ha raccolto, attraverso la vendita ai propri soci e agli ospiti intervenuti dei guantini natalizi contenenti dei dolcetti, la somma di € 1.000,00.
 
Con tale cifra, verranno acquistati da parte del Club,  tablet ludico- educativi da mettere a disposizione dei bambini ricoverati come espressamente consigliato dall'equipe del primario Dott.Valletta. Sugli stessi verrà apposta una targhetta del Rotary Forlì .
Pubblicato in Notizie dal sito

Sabato 27 gennaio, dalle ore 9 alle ore 13, all'Abbazia Santa Maria del Monte di Cesena si terrà il Convegno "I vent'anni della Chirurgia Maxillo- Facciale in Romagna: l'era delle nuove tecnologie in chirurgia maxillo- facciale".

E' stato richiesto l'accreditamento ECM.

Segreteria operativa
U.O. Chirurgia Maxillo Facciale Ospedale M. Bufalini
Viale G. Ghirotti 286, 47521 Cesena
Tel.0547 352708 - Cell 331 8464604
manlio.gessaroli@auslromagna.it

Pubblicato in Notizie dal sito
Martedì, 09 Gennaio 2018 12:47

La Befana in pediatria

Dopo la visita di Babbo Natale, anche la Befana ha fatto tappa nel reparto di Pediatria dell’ospedale Bufalini portando ai bambini ricoverati calze piene di doni devoluti da un club di tifosi del Cesena Calcio e tanti libri

e colori donati dalla Scuola Materna di Porta Fiume e consegnati dall’Associazione Art In Counselling (vedi foto allegate).

Pubblicato in Notizie dal sito

Ormai è una bella tradizione della fine delle Festività Natalizie. Si tratta del doppio evento che si è svolto ieri, domenica 7 gennaio, presso il reparto  di Terapia antalgica e Cure palliative - Hospice dell’Ospedale “Infermi” di Rimini.

Alle ore 15 si è aperto il presepe vivente, organizzato come ogni anno dalla Parrocchia di Santa Maria Maddalena delle Celle di Rimini. I figuranti si sono suddivisi nei vari ambienti del Padiglione Ovidio dell’Ospedale, appositamente allestiti dai volontari, e hanno cantato, portando momenti di serenità ai degenti e ai loro famigliari nella giornata festiva.

Improntata all’accoglienza anche la seconda iniziativa. Da quattro anni a questa parte, infatti, il  reparto, diretto dal dottor Davide Tassinari, in collaborazione con la psicologa Martina Di Matteo, organizza il concorso fotografico "La vita in una foto", aperto a tutti i dipendenti dell’Azienda USL della Romagna e dell'Irccs “Irst” di Meldola. Alla fine, con tutte le foto pervenute, viene realizzato un calendario che viene distribuito, gratuitamente, ai pazienti e utilizzato all’interno dei reparti ospedalieri (l’iniziativa è a costo zero per l’Azienda).

All’edizione di quest’anno hanno partecipato 20 persone (Valentina Bonazzoli, Alessia Filograna, Milena Volanti, Maria Pandolfi, Matteo Ridolfi, Marina Magni, Marino Masi, Fabio Bruscoli, Susi Moroncini, Pamela Bagli, Laura Bernabè, Alex Mami, Graziella Succi, Andrea Marzaloni, Carmen Rossi, Denis Masotti, Giancarla Giacomoni, Carmela Fucci, Elena Urbinati, Alessia Balacchi).

Prima Classificata è stata la fotografia dal titolo "I'm a present, i'ma future" di Valentina Bonazzoli.

Pubblicato in Notizie dal sito

Prendono avvio oggi, 8 gennaio, i percorsi di alternanza scuola lavoro presso le strutture dell’Azienda USL della Romagna.  Sono 102 le manifestazioni d’interesse pervenute entro  dicembre scorso  a  fronte degli 81 progetti  proposti in ottemperanza al Protocollo d’intesa sottoscritto tra Azienda USL della Romagna e Ufficio scolastico regionale – Ambiti territoriali di Forlì-Cesena, Rimini e Ravenna. Tutte accolte le richieste pervenute nei termini  grazie alla loro distribuzione in un ampio arco temporale, che va da gennaio  a novembre 2018,  consentendo ai Tutor aziendali di poter accogliere e seguire adeguatamente gli studenti ospitati .

Sono in corso di perfezionamento le richieste relative ai  percorsi di “peer education” promossi dal Dipartimento di Salute  Pubblica nell’ambito dei Progetti del Piano di prevenzione regionale, inseriti nel Piano Attuativo Locale, che prevedono l’alternarsi di momenti di formazione in aula e percorsi operativi, nei contesti definiti dalla progettazione con gli Istituti scolastici.

Da segnalare la richiesta di coinvolgimento delle strutture aziendali su specifici progetti sperimentali proposti dalle scuole, su sollecitazione del Ministero della Pubblica Istruzione in convenzione con gli Ordini provinciali dei Medici ed Odontoiatri. Le specifiche convenzioni con i singoli Istituti scolastici stabiliscono modalità e tempi di attuazione dei singoli progetti  per un numero complessivo di 120 studenti.

“Preziose occasioni, quelle che prendono avvio da oggi e si protrarranno nel corso di tutto il 2018, per rafforzare quella dinamica alleanza avviata tra il mondo della scuola e quello della sanità. Un ‘orientamento in situazione’ offerto ai giovani per poter fare scelte formative e professionali più consapevoli: un investimento importante sugli operatori della sanità di domani – commenta Pierdomenico Lonzi Direttore dell’U.O. Sviluppo organizzativo, Formazione e Valutazione dell’Ausl Romagna –  a favore dell’intera cittadinanza. Tutti gli ambiti territoriali sono coinvolti, per le richieste pervenute oltre la scadenza prevista si potrà valutare la riapertura dei termini”

Pubblicato in Notizie dal sito

E’ stato un pomeriggio emozionante quello vissuto da Riccardo Castelli, Davide Bonacini e Dane DiLiegro. I tre giocatori dell’Unieuro Forlì hanno infatti accompagnato la Befana di Civitella all’Ospedale Morgagni Pierantoni, dove insieme hanno distribuito le oltre 100 calze offerte da Cia-Conad. Due i reparti visitati: quello di Ginecologia e quello di Pediatria, per la felicità delle tante famiglie presenti. Tra facce meravigliate dei bambini, alcuni piccolissimi, e selfie dei papà insieme ai giocatori: l’iniziativa ha avuto un grande successo, per questo Pallacanestro Forlì 2.015 ringrazia sentitamente Cia-Conad per la generosa partecipazione.

Pubblicato in Notizie dal sito

Si svolgerà domenica 20 gennaio, a partire dalle ore 15, presso l'Aula G dell'Ospedale "Infermi" di Rimini (presso il padiglione Ovidio, con accesso dalla via omonima), un concerto organizzato dall'Associazione ADOCM Crisalide, che da anni sostiene le donne affetta da tumore al seno di Rimini. Una bella occasione per sentire buona musica e fare sensibilizzazione su un tema molto importante. Ad esibirsi in "Parole e canti della nostra tradizione", il gruppo "Canti e balli di una volta". Con l'occasione, una settimana dopo, una interessante conferenza su "Salute e benessere al femminile" (domenica 27 alle ore 9:30 presso la Sala Auser di via Caduti di Marzabotto a Rimini. Tutti i dettagli nelle allegate locandine.

 

Pubblicato in Notizie dal sito

 

Si tratta di un caso originale in letteratura scientifica e verrà pubblicato su JOINTS, rivista ufficiale della SIGASCOT (società italiana del ginocchio artroscopia sport cartilagine tecnologie ortopediche).

Lo studio, realizzato dal dottor Marcello Lughi dell’Uo di Ortopedia di Forlì , si occupa di un caso di Tumore a cellule giganti nel canale del tarso dopo distorsione di caviglia”

“Un caso unico nella letteratura scientifica – spiega il dottor Lughi – che, dopo aver valutato tutto ciò che è stato scritto sull’argomento, è da considerare come originale e particolare.

La neoformazione/tumore, che si era formata in una parte del piede del paziente, nel cosiddetto canale del tarso, è una lesione benigna, ma determinava un intenso e costante dolore e impossibilità al carico.

La causa di tale neoformazione? I tumori giganto - cellulari possono essere l’espressione di una reazione dell’organismo ad un problema. In questo caso, potrebbe essere stato un sanguinamento nel canale del tarso, conseguente ad un trauma distorsivo della caviglia avvenuto precedentemente, a scatenare la reazione giganto cellulare con conseguente neoformazione.”

Pubblicato in Notizie dal sito
Giovedì, 04 Gennaio 2018 11:08

"Befane" in arrivo all'ospedale di Forlì

Saranno davvero tante, sabato 6 gennaio, le generose "Befane" che verranno a far visita ai bimbi dell'ospedale di Forlì.
Inizierà la giornata la  Befana  del quartiere Romiti, che arriverà  alle 9,30 nel reparto di pediatria per distribuire doni ai  piccoli pazienti  e  verrà seguita alle ore 11 da quella  della Croce Rossa Italiana-Comitato di Forlì. 
Alle ore 15, nello stesso reparto, una delegazione del Rotary Club Forlì  porterà in dono alcune calze piene di giochi e dolciumi per i bambini ricoverati, con la collaboraizone dei Clown di corsia, che già operano presso i reparti.
A seguire, alle ore 16, saranno i giocatori della Pallacanestro 2.015 Forlì Unieuro a portare doni e a intrattenere i piccoli pazienti prima nel reparto di Ostetricia e Ginecologia e poi, alle ore 16,30, nel reparto di Pediatria.
Pubblicato in Notizie dal sito

Lunedì 22 gennaio , alle  ore  21, su Rai 3,  durante la trasmissione "Presa Diretta", condotta da Riccardo Iacona,  andrà in onda  un servizio sul " modello " della Casa della Salute di Forlimpopoli,  i percorsi informatizzati e la robotica dell' ospedale di Forli . 

Durante le riprese , effettuate dalla giornalista Sabrina Carreras  presso la Casa della Salute di Forlimpopoli,  sono stati intervistati, oltre dottor Antonio Brambilla, responsabile del Servizio Assistenza Territoriale della Regione Emilia Romagna , e al dottor Lucio Boattini, direttore del Distretto di Forlì, la dottoressa Silvia Mambelli, direttrice del Servizio Infermieristico e Tecnico, il dottor Marco Maltoni, direttore dell' Unità Operativa di Cure Palliative, Loretta Vallicelli, responsabile organizzativo della Casa della salute , Laura Tedaldi, coordinatrice infermieristica  dell'Assistenza Domiciliare, Laura Casadei ,  dell' Ambulatorio per le Cronicita', Riccardo Rossi,tecnico di radiologia,  la dott.ssa Lucia Boselli ,  Pediatra di Comunita',e il medico di famiglia, dr. Roberto Rauti.

In Emilia-Romagna il percorso di realizzazione delle Case della Salute è stato avviato nel 2010, e  attualmente  sono attive  novantasei Case della Salute, con una popolazione di riferimento superiore ai  due milioni di abitanti. La Casa della Salute di Forlimpopoli, in particolare,  garantisce la continuità assistenziale H24, attraverso i medici di famiglia (H12 giorni feriali) e i medici di continuità assistenziale (ex-guardia medica) (ore notturne dei giorni feriali, ore diurne e notturne dei giorni pre-festivi e festivi). Il percorso di realizzazione della Casa della Salute è stato ufficialmente avviato nel 2012 e, a fine 2014, la Casa della Salute era  già  organizzata nel modo odierno . 

Le riprese sono poi proseguite all' ospedale  "Morgagni  - Pierantoni"  di Forlì, per documentare i percorsi di informatizzazione e gestione dei pazienti, la chirurgia robotica, la distribuzione automatizzata dei pasti e dei farmaci,  con la collaborazione , tra gli altri,  del Direttore del presidio ospedaliero di Forlì, dottor Paolo Masperi, la dottoressa Elena Vetri della Direzione Sanitaria di Presidio, il prof. Giorgio Ercolani, direttore della Uo di Chirurgia forlivese e di Raffaella Signani, coordinatrice infermieristica del blocco operatorio. Le telecamere Rai sono entrate in sala operatoria ,  per riprendere il robot chirurgico  " al lavoro ",  e nel reparto di Otorinolaringoiatria forlivese,  per documentare i vari percorsi informatizzati presenti nell'ospedale forlivese, dalla gestione dei farmaci alla logistica.  La chirurgia robotica forlivese ha festeggiato, proprio poche settimane fa, il suo primo decennale e rappresenta un modello a livello regionale. La Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì fece una prima donazione nel 2006 all’allora Ausl di Forlì, acquistando il sistema robotico Da Vinci IS 2000 e successivamente, nel 2012, acquisendo il nuovo robot chirurgico Da Vinci IS 3000. Il secondo importante acquisto venne fatto per consentire, al nosocomio e ai suoi professionisti, di rimanere sempre all’avanguardia in quest’ambito di cura e di ricerca. Fortemente significativi i dati di attività robotica registrati dall'ospedale di Forlì : 1606 interventi suddivisi in ben sette discipline chirurgiche.

Pubblicato in Notizie dal sito

Cerca notizia

Archivio

Mi piace