Visualizza articoli per tag: 23dr

 

Nelle giornate del 18-19-20 luglio verrà effettuata una variazione temporanea della circolazione stradale del parcheggio est dell'Ospedale Morgagni - Pierantoni di Forlì,  per consentire l’esecuzione dei lavori  di rifacimento della segnaletica orizzontale.

Al fine di  ridurre il più possibile eventuali disagi all’utenza, spiega  l'U.O. Manutenzione e Gestione Immobili e Impianti  dell'Ausl Romagna, sede di  Forlì, i lavori verranno articolati in tre fasi che permetteranno comunque, e in ogni giornata lavorativa, l’utilizzo di una parte del parcheggio.

Pubblicato in Notizie dal sito

Cerimonia di consegna ufficiale

di quattro nuove poltrone per la plasmaferesi

alla Medicina Trasfusionale di Forlì


 Giovedì 11 luglio 

ore 11:30

 Medicina Trasfusionale

Ospedale di Forlì

 

 

 

 

La campagna di crowdfunding “2 poltrone per Avis!” , realizzata grazie al supporto della piattaforma “Idea Ginger” e il supporto del BCC Credito Cooperativo ravennate forlivese ed imolese, da novembre 2018 fino ai primi giorni di gennaio 2019, si è conclusa positivamente con il raggiungimento del traguardo prefissato (119%). Grazie alla generosità delle persone e delle ditte che hanno dato il loro contributo, l'Avis comunale di Forlì è riuscita ad acquistare 4 nuove poltrone per la plasmaferesi che abbiamo poi donato al Reparto di Medicina Trasfusionale dell’Azienda USL della Romagna, sede di Forlì.

"Tutto questo è stato reso possibile grazie alla sensibilità di chi ha sostenuto questo progetto a cui noi di Avis saremo sempre grati, ma soprattutto il grazie viene da tutti i donatori di plasma. Infatti le nuove poltrone miglioreranno il servizio di raccolta del plasma perché più comode per il donatore. Sono, inoltre, dotate di schienale mobile con la possibilità di raggiungere in maniera rapida la posizione anti-shock."

 

 

 

 

 

 

Pubblicato in Notizie dal sito
Un altro importante riconoscimento per la Unità Operativa di Otorinolaringoiatria di Forlì, diretta dal prof. Claudio Vicini.
Questa volta si tratta del PREMIO SCIENTIFICO UNIVERSITARIO  della Fondazione Roma Sapienza , intitolato alla memoria di "Decio Scuri" e destinato a giovani specialisti in otorinolaringoiatria.
Il premio, bandito dall'Università di Roma  attrverso la Fondazione Roma Sapienza,  è stato vinto quest'anno dal dottor Giannicola Iannella dell'Unità operativa di Otorinolaringoiatria di Forlì. 
La Fondazione Roma Sapienza è un ente preposto a diffondere la conoscenza, promuovere e sviluppare la ricerca nei più diversi e importanti settori scientifici  e il medico cui è intitolato il premio, DECIO SCURI ,  era uno stimato Otorinolaringoiatradal 1952 al 1970 ha diretto l'Istituto Sordomuti di Napoli e Roma.
" Il progetto di ricerca  con cui ho vinto il premio  - spiega il dottor Iannella -    aveva come titolo  " APPROCCIO ENDOSCOPICO VS APPROCCIO MICROSCOPICO NELLA RICOSTRUZIONE DELLA CATENA OSSICULARE: OUTCOMES AUDIOLOGICI E CLINICI  "  e mi è stato consgenato, il13 giugno scorso presso l’Aula Magna del palazzo del Rettorato della Sapienza Università di Roma " 
Il dottor  Giannicola Iannella  si è laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Roma Sapienza , si è specializzato in Otorinolaringoiatria presso la stessa università , appena un anno fa,  con il massimo dei voti (70 e lode /70) con tesi di specializzazione sulla chirurgia robotica transorale nei pazienti con Apnee Ostruttive del Sonno  ed è attualmente  dirigente medico di Otorinolaringoiatria presso il reparto di ORL dell’Ospedale Morgagni Pierantoni ,  diretto dal Prof Claudio Vicini .   Il dottor Iannella è  co-autore di 60 pubblicazioni scientifiche internazionali , in molte delle quali è  primo autore  . 
 
Pubblicato in Notizie dal sito

Le apparecchiature donate sono una grande risorsa per l’Ospedale di Rimini. Anzi, il loro utilizzo diventa un momento di formazione e condivisione scientifica con importanti clinici di altri territori.

Nello scorso mese di ottobre l’Associazione “ADOCM – Crisalide” ha donato una innovativa apparecchiatura al Servizio di Senologia dell’Ospedale “Infermi” di Rimini. Si tratta del “Confirm – Mammotome”, apparecchio dedicato alla radiografia digitale dei campioni tissutali prelevati con biopsia stereotassica, la cui funzione è rendere sempre più accurata e rapida la manovra bioptica di lesioni sospette della mammella.

In questi giorni il Centro di Senologia di Rimini, diretto dal dottor Lorenzo Menghini, ha l’onore di ospitare il dottor Franco Fiorentino, responsabile del Centro di Senologia Diagnostica dell’Ospedale “Casa Sollievo della Sofferenza” di San Giovanni Rotondo, e la dottoressa Ilaria Bonifacio, responsabile della Senologia Diagnostica dell’Ospedale di Pozzuoli.

Un riconoscimento scientifico importante per la Senologia Riminese, che già può vantare la prestigiosa certificazione Eusoma dal 2014 ed il recente accreditamento regionale.

“Il Confirm ha reso tale procedura bioptica ancora più rapida e sicura per la donna e pertanto siamo particolarmente grati all’associazione Adocm – Crisalide per la donazione” dichiara la dottoressa Sonia Santicchia che ha illustrato agli ospiti l’utilizzo del Confirm in combinazione con l’apparecchiatura bioptica stereotassica.

Presso il servizio di Senologia dei Rimini ogni anno vengono eseguite circa 300 biopsie stereotassiche che consentono la diagnosi istologica di lesioni mammarie in fase sempre più precoce.

Pubblicato in Notizie dal sito

Un nuovo, importante riconoscimento per l’ospedale di Santarcangelo. Tre chirurghi senologi del Policlino “Gemelli” di Roma sono in questi giorni al “Franchini” per apprendere la metodica dell’uso del “verde indocianina” nella localizzazione del linfonodo sentinella nei tumori mammari, utilizzata dal dottor Domenico Samorani. Un’iniziativa che, al di là della soddisfazione per il riconoscimento da parte dei colleghi romani, potrebbe portare anche alla partecipazione dell’ospedale di Santarcangelo ad importanti progetti di ricerca multicentrici realizzati insieme alla struttura capitolina e ad altre.

I tre professionisti del “Gemelli” sono a Santarcangelo da questa mattina. Si tratta di tre chirurghi tra cui la dottoressa Giorgia Garganese, nuova responsabile Ginecologia oncologica del Gemelli, nell’ambito del Centro integrato di senologia del Policlinico universitario, diretto dal professor Renato Masetti, ordinario di Semeiotica chirurgica presso l’università cattolica del “Sacro Cuore” di Roma.

Non certo casuale questo riconoscimento. La metodica del verde indocianina è infatti uno degli elementi più qualificanti dell’attività diagnostica e chirurgica che si svolge presso l’Ospedale di Santarcangelo e consente una diagnostica altamente efficace, ed estremamente meno invasiva, rispetto ai metodi classici, per le donne malate.

Pubblicato in Notizie dal sito

L’Azienda Usl della Romagna rilancia la campagna  informativa “CON IL CUORE, CON LA TESTA. AIUTACI  SALVARTI LA VITA” per portare a conoscenza dei cittadini i sintomi dell’INFARTO e dell’ICTUS e l’importanza di chiamare subito il 118 per accedere tempestivamente alle cure.

La campagna – realizzata con la generosa collaborazione, in qualità di testimonial, di Raoul Casadei che presta il proprio volto e la propria voce - lancia un messaggio fondamentale: in caso di infarto e di ictus, chiamare subito il 118 al manifestarsi dei primi sintomi, può significare evitare la morte e ridurre gli esiti invalidanti delle patologie. E’ dunque importante per tutti conoscere i sintomi e agire di conseguenza.

In caso di ICTUS il campanello d’allarme deve scattare se si sente, o si nota in qualcuno, un dolore alla testa intenso e insolito, bocca storta e difficoltà a parlare, un lato del corpo più debole, difficoltà visiva e di equilibrio. Se invece si avverte un dolore toracico prolungato, difficoltà a respirare, sudorazione intesa e dolore agli arti superiori potrebbe invece essere un INFARTO MIOCARDICO ACUTO. 

La campagna -  costituita da un manifesto – locandina, da due pillole video e altrettante pillole audio in onda da metà giugno sull’emittente radiofonica Radio Gamma  – è disponibile al seguente link: https://www.auslromagna.it/notizie/item/1561-con-il-cuore-con-la-testa-aiutaci-a-salvarti-la-vita

 

Pubblicato in Notizie dal sito

Come ogni anno, l’ultima domenica di maggio si celebra la Giornata Nazionale del Sollievo promossa dal Ministero della Salute, dalla  Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome  e dalla Fondazione Nazionale Gigi Ghirotti. E’ l’occasione per sensibilizzare e informare la cittadinanza, ma anche gli stessi operatori sanitari, rispetto al contrasto del dolore inutile nel corso delle pratiche mediche, in ospedale e sul territorio, e estendere la consapevolezza che il sollievo non è solo desiderabile ma anche possibile. E a Rimini lo si farà attraverso un concerto un po' particolare. Giovedì 6 giugno, alle ore 18, nell’aula G dell'Ospedale "Infermi" di Rimini (Padiglione Ovidio, con accesso dalla via omonima), si svolgerà l’evento pubblico dal titolo "Tutti insieme contro il dolore: una giornata tra studio e spettacolo". Sono previsti interventi di professionisti sul tema della gestione del dolore e dell’attività fisica adattata per i cittadini affetti da Parkinson, artrosi e lombalgia, dimostrazioni pratiche con fisioterapisti presenti in aula e un concerto di musica gospel. Ad esibirsi il coro gospel "Terra Promessa". Si parlerà di dolore post-operatorio, nei bambini, nel parto, e di possibili modalità per contenerlo (tutti i dettagli nell'allegata locandina).

“Il dolore – spiega il dottor Massimo Innamorato responsabile della rete clinica della medicina del dolore per l’Ausl Romagna - costituisce un fenomeno patologico, una malattia nella malattia, che influisce pesantemente sulla vita delle persone con effetti negativi sulla sfera psichica ed emozionale, compromettendo l’autonomia, le relazioni interpersonali, i rapporti familiari e favorendo l’isolamento della persona dal contesto sociale. Come indicato nella legge 38/2010 che è la prima normativa che regola ed obbliga al trattamento della sofferenza chiunque lo necessiti ed in qualunque momento della vita, dall’età  neonatale fino all’anziano centenario, prevenire e valutare la sofferenza, il dolore e lo sconforto delle persone e partecipare al loro sollievo è il principale scopo di ogni operatore sanitario”.

Pubblicato in Notizie dal sito

Ha già superato il migliaio di iscrizioni l'adesione al 106°  Congresso Nazionale della Società Italiana di Otorinolaringoiatria, che si terrà presso il Palacongressi di Rimini tra il 29 maggio ed il 1° giugno 2019. Una vera e e propria riunione del "gotha" dei massimi esperti mondiali di Otorinolaringoiatria, organizzata dal prof.Claudio Vicini, direttore del Dipartimento Testa - Collo dell' Ausl Romagna, dell'Uo di Otorinolaringoiatria di Forlì e presidente della Società italiana di Otorinolaringoiatria 

"Il Congresso Nazionale - spiega il prof.Vicini - è il vero e più alto punto di incontro non solo per tutti Soci, ma anche per quanti desiderino a qualunque titolo contribuire alla crescita della cultura scientifica e medico-chirurgica del distretto testa-collo. Lo sviluppo, la promozione ma soprattutto la diffusione e la condivisione di questa cultura sono il vero obiettivo dell’evento."

L' importanza e la dimensione scientifica del congresso si evince gia' dal simbolo scelto per rappresentarlo e dal richiamo continuo, anche attraverso l'organizzazione di vari eventi durante il congresso, della figura del patologo forlivese  G.B.Morgagni,  Sua Maestà Anatomica. 

" Innanzitutto  - spiega il prof.Vicini - l’angelo in primo piano, che mi è piaciuto per la scelta cromatica e per l’incredibile effetto tridimensionale. Il primo richiamo di questa immagine è relativo alla sede del Congresso: il dettaglio è infatti tratto dalla Pietà, dipinto a tempera su tavola, di Giovanni Bellini, databile 1470 circa, conservato nel Museo della città di Rimini. Ancora, presso gli antichi Romani la pietas esprimeva essenzialmente l’insieme dei doveri che l’uomo ha verso gli uomini: cosa di più allusivo all’atto medico? In secondo piano poi, in filigrana, il frontespizio dell’opera principale di sua maestà anatomica Giovan Battista Morgagni (che pochi sanno avere avuto i natali a Forlì …), che simboleggia le profonde ed antiche tradizioni culturali della nostra società. Non in contrapposizione ma in naturale evoluzione l’immagine del globo, con le diverse nazioni collegate da un moderno reticolo elettronico che rappresenta il web. Infine in basso l’inconfondibile profilo a disco volante del Palacongressi, che, sono certo, vi stupirà per modernità, bellezza ed efficienza."

Durante  il congresso verranno affrontate tutte le classiche aree tematiche della disciplina (AUDIOLOGIA, VESTIBOLOGIA E FONIATRIA; OTOLOGIA E NEUROTOLOGIA; ONCOLOGIA E CHIRURGIA RICOSTRUTTIVA; LARINGOLOGIA; RINOLOGIA E ALLERGOLOGIA; DISTURBI RESPIRATORI DEL SONNO; DAY SURGERY; NUOVE TECNOLOGIE) .

Tantissimi gli esperti mondiali che parteciperanno alle sessioni, provenienti da Stati Uniti, Egitto, Spagna, Corea, Olanda, Belgio, Francia, Turchia, Gran Bretagna, Singapore, Qatar.

Per informazioni : http://www.sio2019.com/" href="http://www.sio2019.com/">http://www.sio2019.com

Pubblicato in Notizie dal sito

All’ospedale Bufalini di Cesena è stata effettuata nei giorni scorsi, per la prima volta in Emilia Romagna, una donazione multi organo da donatore a cuore fermo con prelievo di polmoni idonei al trapianto.

Grazie a un lavoro di squadra che ha coinvolto i professionisti delle Unità Operative di Anestesia e Rianimazione, Chirurgia D’Urgenza, Blocco Operatorio, Chirurgia Vascolare, Radiologia, Medicina Trasfusionale e Laboratorio Analisi, è stato possibile eseguire oltre il prelievo di fegato e reni, anche il prelievo dei polmoni che sono poi stati trapiantati con successo.

“Da quando in Italia è iniziata l’attività di donazione organi e tessuti da donatore a cuore fermo , - spiega il direttore dell’Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione dell’ospedale Bufalini di Cesena dottor Vanni Agnoletti - questo è il quinto caso in Italia di prelievo di polmoni poi trapianti con successo da questa tipologia di donatore”.

La procedura, estremamente complessa e praticata in pochi centri italiani, coinvolge decine di medici, infermieri e tecnici, comporta avanzate tecniche di circolazione extracorporea e richiede un’altissima efficienza di tutta la macchina organizzativa, coordinata dal Centro Riferimento Trapianti dell’Emilia-Romagna, per poter arrivare ad una conclusione positiva come in questo caso.

“Ringrazio tutti i numerosissimi medici, infermieri e tecnici che hanno lavorato ininterrottamente, con grande impegno – conclude Agnoletti - per questo importante risultato che segna un ulteriore traguardo nell’attività di donazione organi e apre nuove speranze per i numerosi pazienti in lista di attesa, che hanno nella disponibilità di organi idonei l’unica possibilità di sopravvivenza”.

Per l’ospedale Bufalini, individuato dalla Regione quale Centro promotore dell’estensione del programma regionale “Cuore fermo ER” in altre Aziende sanitarie dell’Emilia Romagna, è l’undicesimo prelievo multiorgano effettuato a cuore fermo.

Pubblicato in Notizie dal sito

L'ostruzione delle vie respiratorie attraverso l'introduzione di un corpo estraneo (cibo, un giocattolo...) in un bambino, è uno dei più grandi incubi per un genitore. Tanto che ci sono appositi corsi per imparare ad intervenire in maniera adeguata, in questi casi, per il personale "laico" oltre che sanitario. La Regione Emilia Romagna ha dunque attivato un apposito interpello per individuare soggetti (enti, associazioni...) intenzionati a realizzare tali corsi, avendone le caratteristiche, cui conferire un contributo.

Le relative domande, per chi fosse interessato, vanno presentate entro il prossimo primo giugno: tutte i dettagli, le caratteristiche necessarie, le modalità di presentazione della domanda e il  relativo modulo sono in allegato.

Pubblicato in Notizie dal sito

Archivio

Mi piace