Visualizza articoli per tag: distretto forli

 

Da lunedì 17 giugno tutti i servizi del Distretto socio-sanitario di Forlì, attualmente presenti in Via Oberdan n 11, verranno trasferiti in Via Colombo n.11.

Il trasferimento renderà più fruibili i servizi e  consentirà all’utenza di accedere a locali più spaziosi ed accoglienti, concentrando un maggior numero di attività nello stesso luogo

In particolare, nella nuova sede verranno trasferiti il Centro Unificato Prenotazione (CUP), gli ambulatori oculistico, ortopedico, cardiologico, otorinolaringoiatrico, e dermatologico, la Distribuzione diretta farmaci, la Distribuzione ausili, le autorizzazioni sanitarie, l’anagrafe, il Punto Ascolto dell’ Assistenza Domiciliare Integrata (ADI). Tutti i servizi saranno operativi presso la nuova sede a partire da lunedì 17 giugno.

Per garantire le operazioni di trasferimento, alcuni servizi osserveranno un breve periodo di chiusura: l'Assistenza domiciliare integrata (solo lo sportello informativo) resterà chiusa lunedì 10 e martedì 11 giugno; gli Uffici amministrativi da giovedì 13 a sabato 15 giugno, lo Sportello Unico amministrativo (CUP) resterà chiuso da venerdì 14 a sabato 15 giugno; i Poliambulatori da venerdì 14 a sabato 15 giugno; l’ufficio delle Autorizzazioni sanitarie resterà chiuso nella giornata di sabato 15 giugno.

I servizi distribuzione farmaci ed ausili per assorbenza e il punto informativo di via Oberdan non subiranno invece nessuna chiusura, restando aperti al pubblico negli orari stabiliti.

I numeri telefonici dei vari servizi resteranno invariati.

Il Punto Prelievi di via Colombo resterà invece chiuso, da sabato 8 giugno a sabato 15 giugno, per ristrutturazione ed ampliamento dei locali. Il servizio riaprirà lunedì 17 giugno con l’attivazione di un box aggiuntivo per l’esecuzione dei prelievi, per un totale di quattro postazioni disponibili (con priorità per gli utenti prenotati). Durante il periodo di chiusura del punto prelievi di via Colombo verranno potenziati il Centro prelievi dell'ospedale di Forlì (padiglione Vallisneri) e della Casa della Salute di Forlimpopoli

Ricordiamo a tale proposito che l’AUSL Romagna, per ridurre l'attesa di effettuazione dei prelievi ha previsto la possibilità per gli utenti, al momento solo presso gli sportelli unici aziendali del comprensorio forlivese, di PRENOTARE DATA e ORA in cui si vuole effettuare il PRELIEVO.

Tale modalità permette, ai cittadini che ne vogliono usufruire, di limitare al minimo il tempo di permanenza presso il centro prelievi che può essere ulteriormente ottimizzato presentandosi al prelievo con l'eventuale ticket pagato.

 

Pubblicato in Notizie dal sito

Giovedì 9 maggio all' "Ospedale Morgagni – Pierantoni" di Forlì l'Associazione PROGETTO EMERA ONLUS in collaborazione con il Centro Studi " Gianni Donati" per il volontariato ha presentato  un incontro con Madre Prudenziana Madre Generale della Congregazione Cuore Immacolato di Maria (Mgolole sister).

Il Progetto St. Kizito Hospital Mikumi (Tanzania) è stato illustrato, dalle suore e dal dottor Alberto Zaccaroni, anche alla trasmissione FOCUS di Teleromagna che andrà in onda giovedì 16 maggio, ore 13.30, Ch14 Teleromagna, ore 17.30 ch11 TR24, venerdì 17 maggio ore 16 ch14 Teleromagna, lunedì 20 maggio ore 18.15 ch14 Teleromagna, ore 21.30 ch11 TR24.

Le suore del Cuore Immacolato di Maria sono una congregazione di 460 suore Tanzaniane che operano in tutta la Tanzania gestendo:

  • • a Mgolole, villaggio poco lontano dalla città di Morogoro un grande orfanotrofio una scuola primaria e una secondaria, un dispensario (centro medico di prima accoglienza), una falegnameria, una tipografia, una officina meccanica, una fabbrica di ostie e ceri, una sartoria e altre attività per l’inserimento sociale degli orfani diventati grandi che non possono avere una famiglia che li ospiti.
  • • a Melela Bustani (località nella savana a circa 30 Km ovest dalla città di Morogoro) una fattoria, lasciata in donazione da una comunità tedesca, con circa 2.000 ettari di terreno, allevamento di mucche, maiali, galline, conigli etc in cui studiano e lavorano circa 60 ragazze che iniziano il percorso formativo come candidate e postulanti per diventare suore.
  • • altri dispensari, Health Center, asili e scuole primarie e secondarie sparse in tutta Tanzania.
  • • A Mikumi, cittadina sulla strada da Morogoro per Iringa, l’ospedale St. Kizito situato in un grande complesso in cui sono presenti anche una scuola primaria e secondaria sempre gestiti dalle sorelle del Cuore Immacolato di Maria
  • • L’ostello Amabilis in Morogoro: struttura alberghiera per alloggio e conferenze.
  • • A Kichangani (Nane-Nane), quartiere della città di Morogoro, un dispensario molto efficiente con il progetto già in fase esecutiva per diventerà un health center nei prossimi mesi.

Tutte queste strutture sono organizzate in modo da auto sostenersi; le scuole in particolare sono ai primi posti fra tutte le scuole tanzaniane.

Progetto St. Kizito Hospital Mikumi (Tanzania)

Direttrice Ospedale: Sister Antuza (medico)

Organico:

due tecnici di anestesia

3 clinical officer

2 medical officer

5 assistant medical officer

14 infermiere professionali

16 OS

28 inservienti

Sala operatoria

Gli interventi vengono prevalentemente eseguiti in anestesia spinale o con Ketamina

Prevalentemente vengono eseguiti cesarei, appendici, piccola traumatologia, prostatectomie, ernie ombelicali.

Interventi in anestesia generali non sono possibili non essendo presente un apparecchio da anestesia né i farmaci né tubi endotracheali né un laringoscopio.

È presente un vecchio tavolo operatorio con scialitiche obsolete.

La centrale di sterilizzazione non funziona adeguatamente.

Progetto ospedale di MIKUMI:

La direttrice dell’ospedale è un chirurgo. La regione di Mikumi comprende circa 500.000 abitanti ed è una regione ad endemia gozzigena. Non esiste un centro in grado di trattare chirurgicamente la patologia tiroidea.

PROGRAMMA FORMAZIONE CHIRURGIA ENDOCRINA

  • • PRIMA FASE: allestimento della sala operatoria con:
  • • 2 apparecchi di anestesia, 3 letti operatori 2 scialitiche 2 bisturi elettrici (verranno donate dall’AUSL Romagna)
  • • Acquisizione di 3 laringoscopi (da acquistare)
  • • Tubi endotracheali (da acquistare)
  • • Farmaci di anestesia (da acquistare)
  • • Due pompe da infusione (da acquistare)
  • • Fibroscopio (da acquistare)
  • • Adeguamento centrale di sterilizzazione
  • • NIM 3.0 (dono della ditta Medtronic)con tubi e sonde ed elettrodi
  • • Set chirurgico per chirurgia tiroidea ( da acquistare)
  • • SECONDA FASE: allestimento di centro per la diagnosi e il trattamento delle patologie tiroidee con:
  • • Ecografo ( da acquistare)
  • • Siringhe per agoaspirato
  • • TERZA FASE: invio del materiale con container (mese di giugno)
  • • QUARTA FASE: missione (SECONDA QUINDICINA DI AGOSTO) composta da:
  • • Endocrinologo (valutazione dei pazienti candidabili ad intervento)
  • • Chirurgo (15 interventi di chirurgia tiroidea COME TRAINING PER Sister Antuza)
  • • Anestesista (Training al tecnico di anestesia)
  • • Infermiere strumentista (Training alle infermiere locali)
  • • Infermiere anestesia (Training agli infermieri locali)
 
Pubblicato in Notizie dal sito

Da mercoledì 08 maggio 2019, l'Ufficio Protesi Ausl Romagna - Forlì si trasferirà presso la sede dell' U.O. Home Care e Tecnologie Domiciliari, stanza n.148 del primo piano del  Padiglione Valsalva, ospedale di Forlì, Via Carlo Forlanini 34.Gli orari di apertura saranno i seguenti :- lunedì - mercoledì -  venerdì  dalle 08.30 alle 11.30- martedì -  giovedì  dalle 08.30 alle 13

Pubblicato in Notizie dal sito

 

L’AUSL Romagna, per ridurre l'attesa di effettuazione dei prelievi ha previsto la possibilità per gli utenti, al momento solo presso gli sportelli unici aziendali indicati di seguito e, in un secondo momento, anche attraverso altre modalità di prenotazione, di PRENOTARE DATA e ORA in cui si vuole effettuare il PRELIEVO.

Tale modalità permette, ai cittadini che ne vogliono usufruire, di limitare al minimo il tempo di permanenza presso il centro prelievi che può essere ulteriormente ottimizzato presentandosi al prelievo con l'eventuale ticket pagato.

 

La prenotazione per l'effettuazione dei prelievi può essere eseguita presso:

 

- SPORTELLO UNICO DI VIA OBERDAN

DAL LUNEDI AL VENERDI DALLE ORE 7:30 ALLE ORE 12:45

IL SABATO DALLE ORE 7:30 ALLE ORE 12:30

 

SPORTELLO UNICO DI FORLIMPOPOLI

DAL LUNEDì AL VENERDì DALLE ORE 7:15 ALLE ORE 12:45 IL SABATO DALLE ORE 7:15 ALLE ORE 12:30

 

SPORTELLO UNICO CASTROCARO TERME

IL MARTEDì E IL GIOVEDì DALLE ORE 7:30 ALLE ORE 13:30 E DALLE ORE 14:30 ALLE ORE 16:30

 

SPORTELLO UNICO DOVADOLA

IL MERCOLEDì DALLE ORE 12:30 ALLE ORE 14:00 E IL VENERDI’ DALLE ORE 7:30 ALLE ORE 13:00

 

SPORTELLO UNICO ROCCA S.CASCIANO

IL LUNEDì DALLE ORE 8:00 ALLE ORE 10:30 E IL MERCOLEDì DALLE ORE 7:30 ALLE 12:00

 

SPORTELLO UNICO PORTICO DI ROMAGNA

IL LUNEDì DALLE ORE 11: ALLE ORE 13:00

 

 

SPORTELLO UNICO MODIGLIANA

DAL LUNEDì AL VENERDì DALLE ORE 7:30 ALLE ORE 13:00 E IL SABATO DALLE ORE 7:30 ALLE ORE 10:30

 

SPORTELLO UNICO TREDOZIO

IL MARTEDì E IL GIOVEDì DALLE ORE 7:30 ALLE ORE 13:00

 

SPORTELLO UNICO DI PREMILCUORE

IL MARTEDì DALLE ORE 10:00 ALLE ORE 12:00 E IL VENERDì DALLE ORE 15:00 ALLE ORE 17:00

 

SPORTELLO UNICO DI PREDAPPIO

IL MARTEDì E DAL GIOVEDì AL SABATO DALLE ORE 8:00 ALLE ORE 12:15

 

SPORTELLO UNICO DI SANTA SOFIA (OSPEDALE NEFETTI)

DAL LUNEDì AL SABATO DALLE ORE 7:30 ALLE ORE 13:00

 

SPORTELLO UNICO DI SANTA SOFIA (PIAZZA MATTEOTTI)

IL MARTEDì E IL GIOVEDì DALLE ORE 14:30 ALLE ORE 17:00

 

 

SPORTELLO UNICO DI GALEATA

IL LUNEDì DALLE ORE 14:30 ALLE ORE 17:30 E IL MERCOLEDì DALLE ORE 10:00 ALLE ORE 13:00

 

SPORTELLO UNICO DI CIVITELLA DI ROMAGNA

IL LUNEDì E IL GIOVEDì DALLE ORE 10:30 ALLE ORE 13:00

 

SPORTELLO UNICO DI CUSERCOLI

IL MERCOLEDì DALLE ORE 15:00 ALLE ORE 17:00 E IL VENERDì DALLE ORE 10:30 ALLE ORE 13:00

 

SPORTELLO UNICO DI MELDOLA

DAL LUNEDì AL VENERDì DALLE ORE 8:00 ALLE ORE 13:00 IL SABATO DALLE ORE 8:00 ALLE ORE 12:30

 

 

PUNTO PRELIEVI PAD. VALLISNERI (OSPEDALE MORGAGNI PIERANTONI) E PUNTO PRELIEVI DI VIA COLOMBO

DAL LUNEDì AL SABATO DALLE ORE 11:30 ALLE ORE 13:00

Pubblicato in Notizie dal sito

Da giovedì 2 maggio, il servizio odontoiatrico dell'Ausl Romagna, sede di Forlì, si trasferirà da via Oberdan al Padiglione Morgagni dell'Ospedale di Forlì (agli Ambulatori del piano "meno uno").

 La scelta del trasferimento è collegata al potenziamento e all' ampliamento dell’attività odontoiatrica in funzione della consistente e crescente esigenza di cura espressa dai cittadini, in particolare da parte di coloro che versano in condizioni di vulnerabilità sociale, e di coloro che rientrano nelle situazioni di patologia cronica invalidante o di disabilità. La vicinanza con gli altri servizi, e la collaborazione con la UO di Otorinolaringoiatria, permetteranno una migliore presa in carico del paziente anche con patologie complesse.

 
Pubblicato in Notizie dal sito

   Il cibo tra necessità, condivisione e ostentazione dalla Preistoria all'età moderna

Tutto quello che avreste voluto sapere sul cibo, dalla Preistoria al XIX secolo: dall'archeologia culinaria alla simbologia della preparazione, rituali e curiosità sull'uso e l'evoluzione del cibo, elemento di condivisione per eccellenza

 

MAF, Museo Archeologico "Tobia Aldini", Piazza Fratti 5 a Forlimpopoli (FC)

Ingresso libero e gratuito fino ad esaurimento posti

Venerdì 3 maggio prende il via il ciclo di cinque conferenze "Conversazioni al MAF Primavera 2019" promosse dal MAF, Museo Archeologico "Tobia Aldini" di Forlimpopoli fino al 24 maggio.
Nell'ambito dell'iniziativa l'archeologa Cinzia Cavallari e la storica dell'arte Anna Stanzani, entrambe funzionarie della Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio di Bologna ripropongono i temi della conferenza sull'alimentazione tenutasi nella sede della soprintendenza nel settembre 2018, in occasione delle Giornate Europee del Patrimonio: un percorso per immagini commentate sull’alimentazione e la "liturgia" dei pasti.
Nel corso della Preistoria, da un'economia basata sulla caccia e la raccolta dei frutti spontanei si passa, a seguito della scoperta dell'agricoltura e dell'allevamento, a un cambiamento radicale: di fatto il focolare domestico diventa simbolo di famiglia e di comunità. L'alimentazione accompagna la storia dell'uomo in tutte le sue sfaccettature, tra necessità di sostentamento a strumento di ostentazione di stato sociale. Pasti frugali, banchetti sontuosi in età romana e medievale, mutazioni del gusto, mode, sfruttamento delle risorse naturali, cucine, vasellame da mensa e contenitori per la cottura e la conservazione dei cibi costituiranno un'originale chiave di lettura per comprendere l'evoluzione delle società antiche, medievali e post-medievali.
Per l'età moderna, si aprirà una finestra particolare: quali sono i cibi e le suppellettili messi in tavola dai pittori? E quali sono le occasioni principali per rappresentare il cibo e i temi conviviali? Banchetti sacri e profani, cucine e osterie, nature morte e mercati saranno il filo conduttore di un viaggio nella civiltà della tavola.

La serata è promossa dal MAF Museo Archeologico di Forlimpopoli, in collaborazione con la Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per la città metropolitana di Bologna e le province di Modena, Reggio Emilia e Ferrara e Ausl Romagna Cultura

Tutte le conferenze si tengono nella sala delle anfore del MAF e sono a ingresso libero e gratuito fino ad esaurimento posti

info 0543 748071
info@maforlimpopoli.it

Pubblicato in Notizie dal sito

Comune di Forlì
Assessorato alla Legalità

Convegno

I diritti umani delle persone
che vivono con la demenza


dopo la diagnosi,
dignità


15 marzo 2019

ore 15


Salone Comunale - Piazza Saffi 8, Forlì
Aperto a tutti: operatori, professionisti e famiglie, fino ad esaurimento posti


Saluti

Il confine tra i diritti del malato e l’abuso del diritto Maria Grazia Creta Assessore alla Legalità Comune di Forlì

- Introduzione Stefano Boni Direttore Distretto di Forlì

- Il coinvolgimento attivo delle persone affette da demenza nelle scelte che le riguardano Fabio Izzicupo Dirigente Psicologo CDCD Senigallia/Jesi UOC Governo Clinico – ASUR Marche, Area vasta 2

- Diritto a vivere Rabih Chattat Professore Associato di Psicologia Clinica, Dipartimento di Psicologia, Università di Bologna

- Presa in carico e continuità delle cure Federica Boschi Referente Centro Disturbi Cognitivi e Demenze, U.O. Geriatria Forlì

- La carta di Gavirate dell’Alzheimer Fest Michele Farina Giornalista - Presidente AlzheimerFest

- Fondazione Maratona Alzheimer al servizio dei diritti e dei bisogni delle persone con demenza, Stefano Montalti Comitato promotore Fondazione Maratona Alzheimer

Tavola rotonda – Moderatori: Giuseppe Benati Direttore U.O. Geriatria Forlì, Rachele Nanni Responsabile Programma Psicologia AUSL Romagna, Eugenia Danti Presidente Associazione La rete Magica

Pubblicato in Notizie dal sito

 

Sabato 10 novembre a Palazzo Romagnoli, in via Cesare Albicini 12 a Forlì, si svolge l'incontro "Nascere. Storia della medicina, Antropologia e medicina a confronto".

L'iniziativa, aperta al pubblico, è promossa dal Dipartimento di Beni Culturali dell’Università di Bologna , AUSL Romagna Cultura e Dipartimento Trasversale Salute Donna, Infanzia e Adolescenza di Forlì-Cesena. Enti Patrocinatori: AUSL della Romagna; Comune di Forlì, Collegio Ostetriche ed Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Forlì-Cesena.

Introduzione e saluti di Enrico Valletta, Direttore del Dipartimento Trasversale Salute Donna, Infanzia e Adolescenza di Forlì-Cesena, AUSL Romagna, e Raoul Mosconi, Assessore al Welfare del Comune di Forlì.

I sessione
Moderatori: Giancarlo Cerasoli (Ausl Romagna Cultura) e Claudio Bertellini

10.00 Mirko Traversari, Trepidazioni e attese tra parti gemellari e complicazioni nell’Italia del XVI-XVIII secolo: un caso modenese
10.20 Alessandra Foscati, "... Veni foras". Carmina, rituali, oggetti per favorire il parto dalla tarda antichità alla prima Età moderna
10.40 Giuliano Bagnoli, Partorire in casa in Emilia al tempo della "levatrice" comunale. Viaggio tra timori, superstizioni e tradizione popolare
11.00 coffee break



II sessione
Moderatori: Nadia Bertozzi e Enrico Valletta

11.20 Chiara Cocconi, Chiara Silvestroni, Giulia Fabbri, La tradizione popolare incontra i cambiamenti fisiologici alla base della gravidanza e del parto
11.40 Catherine Hamon, Psichiatria fetale e psicologia neonatale: un pensiero recente attorno alla nascita
12.00 Licia Massa, Tutela e cura della gravidanza oggi: il Percorso Nascita
12.20 Discussione e conclusioni

I partecipanti potranno visitare le Collezioni del Novecento e la Collezione Verzocchi

Pubblicato in Notizie dal sito
 
 
C'erano tutti gli studenti delle classi quinte del Liceo Classico "G.B.Morgagni", centinaia di ragazzi e ragazze, alla presentazione del volume su Giovan Battista Morgagni, dal titolo "Morgagni e Forlì",svoltasi oggi alla Sala Icaro, in viale Roma e organizzata dalla direzione scolastica.
Il volume, edizioni Grafikamente, è stato pubblicato a maggio 2018, è a cura di Giancarlo Cerasoli e del gruppo Ausl Romagna Cultura ed ha ricevuto il contributo di Formula Servizi ed Estados Cafè e la collaborazione dell'Istituto Oncologico Romagnolo


Il volume

Il progetto è nato da un’idea del gruppo Ausl Romagna Cultura, nell’ambito del progetto di valorizzazione del patologo forlivese Giovan Battista Morgagni.La narrazione si svolge attraverso sette saggi, tutti ampiamente illustrati:  Franco Zaghini offre un panorama della situazione politica, economica e sociale della Forlì del secolo XVIII;  Giancarlo Cerasoli (gruppo Ausl Cultura) passa al setaccio le autobiografie e le biografie di Morgagni, individuandone i punti nei quali sono raccontate le vicende forlivesi del protagonista;  Enrica Micelli e un gruppo di studentesse del Liceo Classico G.B. Morgagni di Forlì ricavano informazioni utili a meglio delineare la personalità del medico dalla lettura dei suoi testamenti e di alcune lettere da lui inviate al suo procuratore forlivese Giovan Gualberto Pantoli; Antonella Imolesi Pozzi presenta un vasto corpus, in gran parte inedito, di opere (quadri, statue, stampe, medaglie) conservate a Forlì, che riguardano l’iconografia del medico forlivese; Anna Rosa Bambi, rifacendosi al "Libro di casa Morgagni", ricostruisce le complesse vicende dell’origine “mercantile” di quella famiglia,ripercorrendo le trame commerciali e quelle politiche, culminate con l’attribuzione del seggio del consiglio cittadino; Paola Palmiotto compie una documentata analisi sui modi attraverso i quali la città natale volle ricordare Giambattista nel corso dei secoli; Gianluca Braschi svela il lavoro di documentazione che servì all’anatomista forlivese per scrivere le Epistole Aemiliane, nelle quali prese in esame la storia di parte del territorio della Romagna e dell’Emilia.Completano il libro due importanti contributi, che riguardano la docufiction su Morgagni girata di recente dal regista Cristiano Barbarossa. Nel primo il regista racconta la trama dell’opera e nel secondo Leonardo Michelini illustra le splendide immagini da lui scattate durante le riprese cinematografiche.

"La presentazione  è iniziata con il saluto del dirigente scolastico Marco Molinelli, cui è seguita la mia introduzione- spiega la professoressa Enrica Micelli, docente di latino e greco al Liceo Classico di Forlì - Abbiamo quindi trasmesso il trailer della docufiction su Giovan Battista Morgagni, cui è seguito l'interessantissimo intervento del curatore del libro, dottor Giancarlo Cerasoli, del gruppo Ausl Romagna Cultura. Infine sono intervenute, per illustrare il loro contributo al volume, Costanza Ragazzini, Sofia Casadei Monti. Erano presenti anche le altre studentesse che hanno partecipato al progetto del volume, Elena Chiarini, Clarissa Nocella  e Silvia Muscolino."

Il contributo degli studenti e delle studentesse del Liceo Classico al "progetto" Morgagni non si è limitato all' importante collaborazione al volume, ma si è esteso alla partecipazione alla docufiction sul noto patologo forlivese e alla collaborazione al  sito www.morgagnipatologo.it, insieme agli studenti del Liceo Scientifico di Forlì.

Pubblicato in Notizie dal sito

La Chirurgia Endocrina dell'AUSL Romagna sede di Forlí, diretta dal dottor Alberto Zaccaroni, in collaborazione con Forlifarma e con il patrocinio dell'Ausl Romagna, ha organizzato una settimana di controlli gratuiti presso le farmacie
comunali di Forlí, volti  a sensibilizzare la cittadinanza nei confronti del problema dell’obesità, delle sue complicanze e dei possibili trattamenti disponibili.

Il Check-up è rivolto agli adulti (18-65 anni) e comprende cinque misurazioni: peso, altezza, circonferenza addominale,pressione arteriosa, glicemia a digiuno. Il farmacista rilascerà il risultato delle misurazioni al paziente.

L'iniziativa parte dalla Chirurgia Endocrina di Forlí e il Dott. Alberto Zaccaroni è il coordinatore del percorso bariatrico multidisciplinare.

Pubblicato in Notizie dal sito

Archivio

Mi piace