Donazione dell'agenzia Intelligo all'Unità Operativa di Medicina di Forlì . "Vorrei che il mio gesto fosse imitato da tanti altri donatori", afferma il titolare Andrea Galeotti

Vota questo articolo
(9 Voti)

"In un momento difficile come questo, che sta investendo il mondo intero, credo che chi ha abbia il dovere di dare - dichiara Andrea Galeotti, co-founder&Chairman di "Intelligo", nota agenzia investigativa forlivese - E desidererei con tutto il cuore che il mio gesto fosse imitato da tanti altri donatori".

Con queste parole Galeotti ha voluto accompagnare personalmente la donazione di quattro pulsossimetri professionali al reparto di Medicina di Forlì, diretto dal prof. Paolo Muratori.

"E' importante - prosegue - che diventino tantissimi coloro che si stanno mobilitando per sostenere il sistema sanitario, duramente messo alla prova dall’emergenza Coronavirus e lo facciano con costanza" .

"Apprezzo molto la purezza del gesto - dichiara il prof. Paolo Muratori, neo - primario di Medicina di Forlì e docente dell'Università di Bologna - ed il messaggio che Galeotti vuole lanciare ai potenziali donatori. Inutile ricordare che donazioni come questa sono e saranno fondamentali per noi sanitari impegnati nella lotta al Covid. "

"In questo periodo così difficile - sottolinea la Dott. ssa Elena Vetri della Direzione medica di Presidio di Forlì - le attestazioni di solidarietà hanno saputo far arrivare a chi lavora in prima linea la riconoscenza e l'affetto di ognuno. Questi gesti non sono per niente scontati e, proprio perchè inaspettati, portano tanta gioia".

Cerca notizia

Archivio