"Ci avete regalato il cielo". Con queste parole il personale della Tin di Rimini, con il direttore dell'unità operativa Gina Ancora, ha salutato “Le Sangiovesi” un gruppo di artiste di San Giovanni in Marignano che in collaborazione con l'associazione "La Prima Coccola" ha dato vita al Teatro della Regina di Cattolica allo spettacolo “Note di donna” il cui incasso è stato interamente devoluto alla Terapia Intensiva Neonatale dell’ospedale Infermi di Rimini. Un assegnone da quattromila euro che sarà utilizzato per dipingere un suggestivo cielo illuminato nel nuovo reparto in via di ultimazione.

"Siamo state molto contente del successo conseguito con il concerto - raccontano le artiste  -, il teatro era al completo e il pubblico ha dimostrato, con tanti applausi, di essersi divertito, emozionato ed avere compreso il valore solidale dell’iniziativa".

"E' grande la nostra gratitudine nei confronti de ‘le Sangiovesi’ e dell’associazione ‘La Prima Coccola' - replica la dottoressa Ancora -. Nell'ambito dei lavori per la nuova sede del reparto, all'interno della palazzina del Dea dell’Ospedale di Rimini, é previsto anche un progetto di umanizzazione ed accoglienza finalizzato a mettere a proprio agio le famiglie dei nostri piccoli pazienti. Per i piccini è fondamentale la vicinanza dei genitori ed un ambiente accogliente ha ripercussioni positive per persone che vivono in reparto anche per lunghi mesi”.

Questo progetto di umanizzazione contempla la tinteggiatura del soffitto dell'ingresso del reparto con un cielo azzurro illuminato  e la donazione servirà proprio per questo.

All’associazione e a “Le Sangiovesi” i sentiti ringraziamenti della direzione aziendale e del direttore generale Marcello Tonini che ha partecipato al momento della donazione.

Così come alle  numerose associazioni e soggetti che, in occasione delle Festività Pasquali, hanno effettuato iniziative per allietare i piccoli pazienti della Pediatria, dell’Oncoematologia pediatrica e della Chirurgia pediatrica, ricoverati o in day hospital presso l’ospedale Infermi di Rimini.

Nello specifico si è trattato della Rimini Calcio, dello Ior, dell’Associazione Tutela Presepiale e anche di un gruppo di infermieri di sala operatoria.

Tutti hanno portato uova di Pasqua e piccoli doni e grazie alla loro presenza i piccini hanno potuto trascorrere momenti più sereni e spensierati.

Alcune settimane fa, invece, l’Aps “Riccione Scuola 5.0”, composta di genitori di vari circoli didattici e plessi di Riccione, hanno portato una fornitura di giocattoli per i bimbi dell’Oncoematologia Pediatrica, sempre dell’Infermi.

Senza dimenticare i Dottor Clown, che a loro volta sono stati presenti “in corsia” nelle festività pasquali, così come in tanti giorni festivi.

Pubblicato in Notizie dal sito

Si rende noto che presso la sede di Piangipane della Casa della Salute di Russi, prenderanno il via oggi, venerdì 23 marzo, lavori di miglioramento della sala d’attesa degli ambulatori dei medici di medicina generale che vi operano  e degli ambulatori di assistenza infermieristica.

I lavori, concordati con l'Amministrazione Comunale e illustrati nel Consiglio Territoriale tenutosi lo scorso 13 marzo, alla presenza dei dirigenti dell'Azienda USL e dell'Assessore al decentramento di Ravenna Gianandrea Baroncini, mirano a riqualificare la struttura e a rendere più accoglienti gli ambienti d’attesa per i pazienti.

Il termine previsto per la fine degli interventi è quello di venerdì 30 marzo. L’Azienda si scusa con l’utenza per i disagi che tali attività potranno provocare.

Pubblicato in Notizie dal sito

Nel 2017 è stato attuato, dall’Ausl Romagna, un forte rilancio dell’attività di prevenzione dei rischi sul lavoro nel settore portuale. Il servizio “Prevenzione e Sicurezza negli ambienti di lavoro - Psal” (diretto dal dottor Giampiero Mancini), struttura che fa parte del Dipartimento di Sanità Pubblica (diretto dalla dottoressa Raffaella Angelini), grazie ad un progetto finanziato concordato con la Direzione Generale e che ha contemplato anche il potenziamento dell’organico con tre operatori in più, ha infatti intensificato i controlli nelle attività di cantieristica navale ed in particolare in quelle di carico-scarico merci effettuando, oltre ai consueti interventi, anche attività di perlustrazione su più terminal nella stessa giornata, verificando aspetti più puntuali e garantendo quindi una complessiva maggiore presenza sul territorio. Si è passati dai 51 interventi del 2016 agli 86 del 2017 e si prevede un ulteriore incremento nel 2018.

Certamente si è verificata anche qualche sanzione in più, visto che i provvedimenti di prescrizione di misure mancanti (in base all’attuale sistema di depenalizzazione) prevedono per l’impresa, oltre alla bonifica delle situazioni da correggere, pure il pagamento di una somma economica; ma la maggior frequenza dei controlli e l’assiduità della presenza al porto di personale dell’Ausl, e quindi anche la possibilità di confrontarsi più costantemente con gli interlocutori aziendali e con i rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza, consentono un più attento monitoraggio delle condizioni di sicurezza in questo comparto che troppo spesso, a partire dalla tragedia del 13 marzo 1987 (che lunedì scorso è stata commemorata dalle Istituzioni e dalle Rappresentanze Sindacali in piazza del Popolo a Ravenna) è stata oggetto di infortuni mortali o gravi.

Oltre alle attività di vigilanza e controllo, il servizio Psal ha promosso un tavolo di confronto per fare il punto sulle misure di prevenzione nelle attività di carico-scarico autoveicoli da traghetti, al quale puntualmente garantiscono la partecipazione le Istituzioni, in particolare Autorità di Sistema Portuale e Capitaneria di Porto, nonché i rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza “di sito”, le imprese coinvolte nelle attività lavorative e nella gestione del terminal dedicato.

 

Pubblicato in Notizie dal sito

Aprirà i battenti entro il mese di marzo il nuovo reparto di degenza di Neurologia dell’Ospedale “Santa Maria delle Croci” di Ravenna. Si tratta di un momento molto atteso in quanto il reparto è attualmente situato nella parte più vecchia dell’ospedale ed in condizioni non ottimali.

L'intervento strutturale per la Neurologia, coordinato dall’unità operativa “Attività Tecniche” dell’Ausl, ha riguardato le opere necessarie per adeguare spazi rimasti liberi al terzo piano, realizzando le stanze di degenza e relativi servizi, oltre ad alcune modifiche nei locali guardiola e ambulatorio. Alla realizzazione laddove necessario di nuove pareti in cartongesso si è affiancato il rinnovo di infissi esterni ed interni, pavimenti e rivestimenti, oltre al rifacimento dell'impianto elettrico e di chiamata e alla modifica dell'impianto meccanico, antincendio e gas medicinale.

Con l’occasione è stato migliorato l’assetto organizzativo, che prevede tra l’altro la presenza di 4 letti monitorati per le patologie neurologiche acute, specie l'ictus cerebrale che rappresenta circa la metà degli 850 ricoveri che si verificano ogni anno nel reparto diretto dal dottor Pietro Querzani. Ci sono inoltre 15 letti di degenza ordinaria e 4 letti dedicati alla riabilitazione estensiva. L’unità operativa offre inoltre un servizio di Neurofisiologia che svolge circa 35mila prestazioni annue su circa 8mila pazienti con uno studio specifico sull’epilessia. A livello ambulatoriale sono seguiti pazienti con epilessia (circa 500), sclerosi multipla (circa 300), disordini del movimento e malattie neuromuscolari (circa 200), Sclerosi Laterale Amiotrofica (sla). Per i circa 700 pazienti colpiti da cefalee è attivo un ambulatorio di terzo livello.

E’ di circa centomila euro l’importo dei lavori per questo intervento che rappresenta il completamento del progetto di realizzazione della piattaforma medica posta nel “Blocco 03”, iniziato con il trasferimento della degenza di oculistica, post acuti, otorino e nefrologia.

 

Pubblicato in Notizie dal sito

Mentre a livello nazionale è stato firmato il nuovo contratto per il comparto (infermieri e professioni sanitarie) del Sistema Sanitario Nazionale, l’Ausl Romagna consegue due importanti traguardi sul fronte del miglioramento delle condizioni di lavoro, per gli operatori e i professionisti aziendali. Si tratta dei bandi per la stabilizzazione di 240 lavoratori del comparto, principalmente infermieri, e dell’avvio dei meccanismi per il conferimento degli incarichi per il personale della dirigenza medica.

Il processo di stabilizzazione del personale precario è stato avviato attraverso la pubblicazione degli appositi avvisi, in applicazione del decreto Madia (D.Lgs. 75/2017) peraltro favorito dalle disposizioni e dai protocolli regionali in materia. Si tratta, al momento, del fabbisogno minimo di stabilizzazioni, ma altre potranno seguire anche in tempi rapidi. E ad ogni modo, questa procedura non sostituisce certo, bensì si affianca, alle procedure concorsuali “ordinarie” per il reclutamento di personale.

Per quanto riguarda la valorizzazione delle figure professionali, le relative selezioni verranno avviate gradualmente e porteranno entro la fine del corrente anno, all’attribuzione dei nuovi incarichi dirigenziali ai medici dell’Azienda.

Dichiarazione del Direttore Generale, dottor Marcello Tonini:

“A livello nazionale quella di ieri, con la firma del contratto nazionale, è stata una giornata positiva per la sanità italiana e per i lavoratori che giorno dopo giorno, con dedizione, fanno in modo che il servizio sanitario nazionale continui a funzionare, abbia una buona qualità e garantisca il diritto alla salute per i cittadini. Intanto anche noi, in Romagna, non stiamo con le mani in mano. Questo perché una grande azienda come l’AUSL Romagna ha il dovere di contribuire alle politiche del lavoro, pertanto, in coerenza con il quadro nazionale, regionale e con il sostegno delle forze politiche di governo locale, siamo riusciti nell’impegno di giungere alla stabilizzazione di 240 posti di lavoro e addirittura di crescere numericamente di oltre cento unità; il tutto garantendo l’equilibrio economico-finanziario, cioè senza fare disavanzo. La stabilizzazione è il primo passo nell’applicazione del ‘Decreto Madia’ che offre future opportunità di superamento del precariato residuo che intendiamo cogliere e a cui affiancheremo anche nuovi, ulteriori concorsi pubblici.

Prosegue intanto anche l’intensa programmazione volta a colmare i vuoti che ancora ci sono nei ruoli di primario, con l’avvio di nuove procedure concorsuali, dopo che negli ultimi due anni sono state espletate quelle per 37 nuovi primari.

 

La finalità di tutto questo è naturalmente il miglioramento dei servizi offerti ai cittadini e la tranquillità dei lavoratori che ne è presupposto fondamentale.

 

Ulteriore soddisfazione anche per l’altro passo avanti, quello sugli incarichi: grazie ad un confronto franco e aperto con le organizzazioni sindacali del comparto e della dirigenza, la cui lungimiranza porterà frutti per lavoratori e cittadini: è stato infatti raggiunto l’accordo per l’assegnazione degli incarichi professionali ed ora stiamo avviando le procedure per le selezioni interne di attribuzione degli stessi.

 

Insomma dopo diversi anni è il momento del concreto riconoscimento della grande professionalità che il nostro personale ha sempre garantito nonostante le difficoltà.

Abbiamo servizi sanitari di riconosciuta elevata qualità e, speriamo, con operatori sempre più motivati a migliorare: la nostra piccola esperienza ci induce a pensare che si può fare. Ne siamo orgogliosi come Direzione e come cittadini di questo territorio romagnolo”.

Pubblicato in Notizie dal sito

Si è svolto stamane un sobrio momento inaugurativo di locali per 600 metri quadrati, completamente ristrutturati, presso l’Ospedale “per gli Infermi” di Faenza. I locali sono suddivisi su tre dei quattro piani del fabbricato denominato Padiglione 11 (ex laboratorio analisi). Si tratta di nuovi studi medici, spogliatoi con relativi servizi e altre stanze di servizio.

I lavori, seguiti dall’unità operativa “Attività Tecniche” dell’Ausl Romagna diretta dall’architetto Enrico Sabatini, coprono 600 metri quadrati complessivi e contemplano il totale rifacimento degli impianti, delle finiture e degli infissi interni. Al piano seminterrato sono stati realizzati depositi, al primo piano rialzato e secondo piano spogliatoi con una capienza atta a ricevere circa 200 operatori e gli altri locali a disposizione del personale.

Un’ottantina gli operatori che già stanno utilizzando i nuovi locali, collegati funzionalmente con i reparti di degenza, appartenenti al 118 Romagnasoccorso, all’Oncologia (per donne), e ad altri medici e dentisti (per uomini). L’investimento economico è stato di circa cinquecentomila euro.

“I locali ristrutturati, recuperati e ricollocati sono stati per lungo tempo inutilizzati – evidenzia il dottor Davide Tellarini, direttore medico del presidio ospedaliero di Faenza – per cui quello odierno è un buon risultato, prevalentemente per gli operatori ma in prospettiva anche per gli utenti. E comunque il miglioramento delle condizioni di lavoro di operatori e professionisti è un tema importante che l’Ausl Romagna si pone”.

Da parte dell'amministrazione comunale sono stati espressi "soddisfazione e apprezzamento per l'intervento e per i lavori realizzati: un ulteriore tassello sulla strada della qualificazione del nostro ospedale".

Pubblicato in Notizie dal sito

Il sobrio momento inaugurativo che si è svolto questa mattina è relativo ai lavori effettuati nel reparto di “Medicina e Lungodegenza” dell’Ospedale “Sacra Famiglia” di Novafeltria.

Il reparto, che conta 28 posti letto medicina interna e 13 posti letto di lungodegenza suddivisi in stanze da uno, due o tre posti letto, cui si aggiungono, come da accreditamento, i seguenti locali di servizio:

1 guardiola

1 studio medico

1 studio cordinatrice

1 saletta occupazionale

1 cucinetta

6 magazzini

2 ambulatori.

I lavori, seguiti dall’Unità Operativa “Attività Tecniche” di Rimini dell’Ausl Romagna, diretta dall’architetto Enrico Sabatini, che sono terminati (le stanze sono giù in uso) consistono, oltre che nel completo rifacimento delle finiture dei locali e dei servizi igienici, adeguati alle esigenze dei portatori di handicap, anche di interventi di messa a norma ai fini dell’antincendio, completa innovazione dell’impiantistica di sicurezza, dell’impianto elettrico, competa innovazione dei testaletto e dei sistemi di erogazione dei gas medicali, e un nuovo impianto di attivazione infermieristica, al fine di innalzare sempre di più il livello di sicurezza e confort per i pazienti ricoverati, specialmente in condizioni più critiche e per i loro famigliari.

La superficie utile interessata dall'intervento di ristrutturazione è pari a 700 metri quadrati. Il costo complessivo è pari a 350mila euro, finanziati con fondi propri dell'Ausl Romagna.

Sempre in ottica strutturale il direttore medico del presidio ospedaliero di Rimini – Santarcangelo – Novafeltria, dottor Romeo Giannei, dopo aver osservato che “noi siamo abituati ad aprire i cantieri, e poi anche a chiuderli”, ha assicurato che sono allo studio progetti per dare una sistemazione ancora più adeguata e strutturale al Punto di Primo Intervento e per ristrutturare e adeguare la Chirurgia, “argomenti sui quali ci confronteremo ad ampio raggio”.

Approccio centrato sulla condivisione molto apprezzato dall'amministrazione comunale per i suggerimenti emersi nell’ambito del percorso che si è aperto sull’ospedale di Novafeltria, e colti dalla Direzione Aziendale. Un percorso che secondo l'amminsitrazione comunale deve continuare per rendere la struttura sempre più adeguata alle esigenze della comunità dell'alta Valmarecchia.

Per quanto attiene ai dati d’attività del reparto, sono stati illustrati dal direttore dottor Lorenzo Marani, che ha colto l’occasione per ringraziare ed elogiare “tutti gli operatori che vi operano”. Nei primi 11 mesi del 2017 i ricoverati sono stati 797 (e più precisamente 678 in Medicina e 119 in Lungodegenza) per complessive 11.489 giornate di degenza, dato stabile rispetto al 2016. Gli indicatori di degenza media e di peso del drg sono a loro volta in linea con quelli della rete ospedaliera dell’Ausl Romagna. Le principali patologie seguite sono di natura cardilogica, respiratoria, gastroenterica cui si affiancano i percorsi di riabilitazione.

Presso l’unità operativa lavorano, oltre al primario 5 medici, 15 infermieri più una coordinatrice, 10 operatori socio sanitari (oss).

Sono seguiti il tradizionale taglio del nastro e benedizione da parte del cappellano ospeadliero.
                                                   

Pubblicato in Notizie dal sito

E’ iniziato nei giorni scorsi e si concluderà entro il mese di marzo, il secondo e ultimo stralcio di lavori per la completa ristrutturazione del reparto di Medicina e Lungodegenza dell’Ospedale “Franchini” di Santarcangelo (il primo stralcio era partito in novembre e si è concluso a ridosso delle Festività Natalizie appena trascorse).

I lavori contemplano, oltre a lievi modifiche distributive e interventi di mantenimento a norma, la completa innovazione dell’impiantistica di sicurezza (antincendio e rilevazione fumi), dell’impianto elettrico, la revisione dei sistemi di erogazione dei gas medicali e un nuovo impianto di attivazione infermieristica, al fine di innalzare sempre di più il livello di sicurezza e confort per i pazienti ricoverati, specialmente in condizioni più critiche, e per i loro famigliari.

I lavori, coordinati dall’unità operativa “Attività tecniche” di Rimini dell’Ausl (direttore architetto Enrico Sabatini) in collaborazione con la Direzione medica ospedaliera (dottor Romeo Giannei), riguardano tutti i 27 locali (15 stanze di degenza più aree di servizio) che compongono il reparto, diretto dal dottor Giorgio Ioli, per una superficie complessiva di 900 metri quadrati e 36 posti letto (26 di medicina e 10 di lungodegenza). Durante il periodo dei lavori vi sarà una riduzione di 2 posti letto in medicina e 2 in lungodegenza, ma al termine saranno “recuperati” i 9 posti letto del reparto attualmente ospitati in Chirurgia.

Pubblicato in Notizie dal sito

Archivio