“Diamoci una mano", a Savignano al via iniziativa solidale per donare tablet a hospice e casa di riposo

Scritto da
Vota questo articolo
(2 Voti)

Donare tablet all’Hospice e alla Casa di riposo di Savignano sul Rubicone. È l’obiettivo dell’iniziativa di solidarietà “Diamoci una mano – Una chiamata per tutti” promossa da un gruppo di amici di Savignano sul Rubicone supportato dal club di tifosi del Cesena Fc “Ki Birichin” e dall’associazione culturale “Ombu” di Savignano sul Rubicone con il patrocinio del Comune di Savignano sul Rubicone e dell’Ausl Romagna.
La proposta è quella di raccogliere fondi, grazie al contributo dei cittadini di Savignano sul Rubicone, da destinare alle strutture sanitarie e sociosanitarie che in questo particolare momento di emergenza continuano a garantire un servizio prezioso e indispensabile alla comunità locale: la Casa per anziani di via Fratelli Rosselli e i reparti della Casa della Salute del Rubicone (Santa Colomba) a Savignano, Hospice cure palliative e Ospedale di comunità.
Per realizzare il progetto è nata una collaborazione tra i promotori e Elettrogamma, rivendita di materiali elettronici e informatici i cui titolari si sono offerti di anticipare l’acquisto di tablet a prezzo di costo. I dispositivi saranno consegnati alle strutture per favorire le videochiamate fra gli ospiti, i pazienti e i loro familiari, oltre a permettere ai medici di comunicare con i pazienti seguiti a domicilio per le cure palliative. Hanno dato la loro disponibilità anche le Farmacie e le Parafarmacie presenti sul territorio comunale, presso le quali dal 14 aprile si potranno trovare gli appositi contenitori per la raccolta delle offerte che i cittadini vorranno effettuare.
“Pensiamo che dandoci da fare – afferma la portavoce dei promotori Romina Bertani – si possa rinsaldare il senso di comunità e la sensibilità di tutti i cittadini. Anche se costretti a stare a casa, possiamo ugualmente dare una mano aiutando chi in questo difficile momento è più fragile e chi è in prima linea. Il cuore non va in quarantena, ma continua ad amare anche a distanza. I sogni non si infettano!”.
“Il progetto entrerà a far parte delle iniziative di solidarietà che hanno visto in questi giorni l’Ausl Romagna diventare recettore della generosità dei romagnoli – afferma Francesca Righi, direttore del Distretto Sanitario del Rubicone -. I fondi verranno specificatamente devoluti alle necessità dei servizi in essere presso la Casa della Salute del Rubicone (Santa Colomba) a Savignano, che rappresenta per l’Ausl Romagna un prezioso avamposto sul territorio e il punto di riferimento per le comunità del Rubicone”.
“Vedersi, parlarsi, ‘abbracciarsi’ stando lontani. In queste settimane abbiamo cercato ogni strada per colmare la distanza fisica nella nostra quotidianità - afferma il Sindaco di Savignano sul Rubicone Filippo Giovannini -. È importante che anche chi non ha gli strumenti per farlo venga aiutato. Questo è il compito di una comunità, e questo è ciò che siamo. #ailafasem”.

Cerca notizia

Archivio